AUSTRALIA – MODI DI FARE DI CHI GUIDA E NON

Una cosa che ho trovato bizzarra e buffa è proprio relativa alle “strade” australiane.
Quando parlo di strade mi riferisco a tutto quello che ne consegue, dal manto di asfalto, al tipo di connessione fra stati diversi dello stesso Paese e a coloro che le percorrono.

 

deserto australiano
Tropico del capricorno, Australia Occidentale

Premesso che per un viaggio in Australia on the road non servirebbero neanche navigatori satellitari, le strade sono ‘quelle’ (non puoi sbagliare!), esiste destra-sinistra-davanti-dietro, a volte non tutte insieme.
Una volta imboccata la direzione giusta per voi non bisogna più preoccuparsi per i prossimi 400 o 500km. I primi giorni di viaggio on the road sono stati quelli che ci hanno sorpreso di più in quanto novità, percorrevamo delle distanze paragonabili alla grandezza dell’Italia praticamente essendo i soli su quella strada! Provate ad immaginare una Milano-Reggio Calabria con NULLA fra l’una e l’altra, ad esclusione di una stazione di servizio (che per forza di cose ti vende TUTTO, dai beni essenziali ad un pò di ferramenta/giocattoli/souvenir), con una lingua di asfalto senza barriere laterali, e a completare l’opera aggiungi un bel set di EMÙ MUCCHE CAVALLI CANGURI -spesso diversamente vivi- LUCERTOLONI CAPRE PECORE (e altre specie che non elenco per non essere confuso con un documentario della BBC) tutti insieme per un allegro trotterellare sull’unico pezzo di umanità al quale ti áncori per arrivare sano e salvo alla tua destinazione. Un macello.

Il viaggio in compenso ti da tanto, nel senso stretto ti fa scoprire posti nuovi, panorami mai esplorati, scenari da cartolina, in senso lato ti propone gente nuova, modi di vivere fuori dalle nostre concezioni di vita e ti impressiona con le sue caratteristiche.

 

deserto australiano
Strade australiane, circondati da nulla
deserto australiano
Bizzarri segnali stradali indicanti cammelli, wombat e canguri

Su quelle stesse strade dove tanto ti dimeni per rimanere vivo ci incontri anche altra gente, alcuni come te viaggiano, altri si spostano per lavoro (massiccia presenza h24 di autotreni), ma tutti in ogni caso SALUTANO (quasi tutti).

I viaggiatori in un certo senso sono tutti collegati da un filo invisibile che li accomuna, una esperienza che ogni giorno regala loro un sorriso che a loro volta condividono con chi come loro Viaggia. I residenti invece sono coloro dai quali tutti gli altri apprendono gli “australismi”, tutti quegli strani modi di fare che hanno e che li caratterizzano, come se in qualche modo questa terra ti istruisse insegnadoti come comportarsi nella società. Ci si sente di nuovo in training.

Gli australismi non si fermano al saluto mentre si guida, continuano con il salutarsi per strada, lo scambiare chiacchiere appassionate come amici da una vita con dei perfetti sconosciuti anche quando si è in coda al supermercato e simili.

È stato buffo quando, ancora neo arrivato in terra canguriana una signorotta attempata guarda verso me e alza il dito come a fare una domanda.
Ignaro dei motivi mi sono avvicinato insospettito per capire cosa avesse da chiedermi.
Ridendoci su, ho scoperto che non era altri che il loro modo di salutare (uguale anche alla guida), e a confermare la tesi è stata proprio lei a spiegarmelo con un bel sorriso e una chiacchierata a corredo con tanto di domande sul nostro viaggio, sul posto da cui veniamo e la bellezza rinomata del nostro Paese. Nulla di invasivo, educato e cortese, all’ordine del giorno.
Non è strano che il salumiere ti chieda come ti vanno le cose con tua moglie o che la cassiera ti chieda come è stata la tua giornata fino a quel momento, anche se non li hai mai visti prima d’ora.
Qui il concetto di essere ‘friendly’ ovvero amichevole, lo hanno talmente radicato che senza quello non sarebbero Loro. Non sarebbero australiani. Col tempo impari a distinguere la gente che ti si presenta davanti in base ai loro modi di fare. Col tempo ti accorgi anche di quanto questo modo di fare produca un buonumore generale che la gente trasmette in maniera involontaria, e quando ti trovi il backpacker che ti saluta scorbutico, ci ridi su pensando a quanto tutto questo ti abbia cambiato. E pensi che anche loro avranno il loro training, è solo questione di tempo ?.

Con questo non voglio dire che tutto sia perfetto, trovo interessante confrontare le culture e i modi di fare all’estero con quelli di ‘casa mia’ , e spero chi lo sa, di spingere altri ad “Australianizzare” un pò le loro vite. Un pò di cordialità in più non uccide nessuno ?.

 

 

VIENICI A TROVARE SUI SOCIAL, DOVE TROVI TUTTI I RACCONTI DEI NOSTRI INCONTRI AUSTRALIANI

TI ASPETTIAMO SUL NOSTRO CANALE YOUTUBE E SULLA PAGINA FACEBOOK!

24 Comments

  1. Hello there! Quick question that’s completely off topic.

    Do you know how to make your site mobile friendly?
    My blog looks weird when viewing from my apple iphone.
    I’m trying to find a template or plugin that might be able to fix this issue.
    If you have any recommendations, please share. Thank you!

  2. Hi there I am so glad I found your blog page, I really found you by
    mistake, while I was researching on Google for something else, Anyhow I am here now and would just
    like to say many thanks for a tremendous post and a all round exciting blog (I also love the theme/design),
    I don’t have time to go through it all at the moment but I have saved it
    and also included your RSS feeds, so when I have time I will be back to read a great deal more, Please do
    keep up the excellent job.

  3. I do not know if it’s just me or if everyone else encountering
    problems with your website. It appears as if some of the text on your content are running off the screen.
    Can someone else please comment and let me know if this is happening to them as well?
    This may be a issue with my browser because
    I’ve had this happen previously. Thank you

  4. Very shortly this site will be famous amid all blog people, due to it’s fastidious articles or
    reviews

  5. Excellent post but I was wondering if you could write a litte more on this topic?
    I’d be very thankful if you could elaborate a
    little bit further. Many thanks!

  6. It’s a shame you don’t have a donate button! I’d definitely donate to this
    brilliant blog! I suppose for now i’ll settle for bookmarking and
    adding your RSS feed to my Google account. I look forward to brand new updates and will talk about this
    blog with my Facebook group. Chat soon!

  7. Genuinely no matter if someone doesn’t be aware of afterward its up
    to other people that they will help, so here it occurs.

  8. Very good blog you have here but I was wondering if you
    knew of any discussion boards that cover the same topics talked about
    here? I’d really like to be a part of community where I can get advice from other knowledgeable people that share the same interest.
    If you have any recommendations, please let me know.
    Kudos!

  9. Have you ever thought about adding a little bit more than just your
    articles? I mean, what you say is valuable and everything.
    However just imagine if you added some great pictures or videos to give
    your posts more, “pop”! Your content is excellent but with images and
    clips, this website could undeniably be one of the most beneficial in its niche.
    Very good blog!

  10. I like what you guys tend to be up too. This kind of clever work and reporting!
    Keep up the superb works guys I’ve incorporated you guys to
    my personal blogroll.

  11. Hey There. I found your blog using msn. This is a very
    well written article. I will make sure to bookmark
    it and come back to read more of your useful
    information. Thanks for the post. I will certainly return.

  12. Great wordpress blog here.. It’s hard to find quality writing like yours these days. I really appreciate people like you! take care

  13. Pingback: MOLLARE TUTTO – RAGIONI DIETRO LE SCELTE – Questi Qui Siamo Noi

Write A Comment