COSA SAPERE SU MARGARET RIVER

Nella zona sud dell’Australia Occidentale, una volta superata Perth ci inoltravamo con ansia nella contea di Margaret River, vasta area rinomata per la presenza di fiorenti aziende vinicole di pura tradizione familiare, estesa, verde e comunicativa. La zona, in maniera piuttosto repentina, segna una netta linea dal precedente paesaggio asciutto e spiccio che avevamo incontrato guidando lungo la costa Nord occidentale.
Paesaggio molto espressivo da subito. Il forte impatto col verde della zona, con i suoi possenti alberi ci riporta alla realtà come un secchio d’acqua in pieno sonno. Crea un distacco dal paesaggio che abbiamo osservato per gli ultimi 2000km tanto da farci quasi credere di averlo solo immaginato.

È bello e sorprendente vedere come tutta questa natura spunta dal suolo con tanta caparbietà; siamo estasiati dal vedere i colori e le mille varietà del paesaggio. Alti arbusti ne delimitano gli argini come folle di spettatori sugli spalti, dagli inimitabili ordine e compostezza. Il manto di colori forma una sfumatura varia e dolce, ricamando una trama infittita da delicati verdi e docili marroni, il tutto in uno scenario senza tempo. Ogni elemento sembra ricordare con tatto la serena età della composizione. Sembra essere li da sempre, tanto da farti sentire dentro e inscindibile. Non saprei dare un parere sulla psiche di un comunissimo albero, ma di questi posso sicuramente asserire che sono alberi felici.
L’equilibrio del sistema ne è prova.

 

australia occidentale
Strade di Margaret River, Australia Occidentale

Le più svariate e fantasiose forme animali che ci vivono dentro sono tutte fuse in un loro bio-sincrono di massa. Visibili e non, ci si trova dentro dal più colorato uccellino a volatili come corvi falchi ed acquile, oltre canguri, serpenti, roditori, rettili, marsupiali di varie dimensioni e chi più ne ricorda più ne metta.
Il bosco si estende per svariati km tracciando una retta parallela alla costa (accessibile in diverse occasioni attraverso la vegetazione), regalando accostamenti di flora fauna e mare del tutto singolari. Il clima è caldo e morbido sulla pelle accompagnato da un luminoso sole che crea scacchiere di colore sul manto stradale il quale giace placido come unico spettatore esterno all’opera, ed educatamente mostra la via a coloro che vogliono godere di un entourage all’interno di un museo a cielo aperto.

LE CAVE

La punta di diamante che rende tutto questo ancor più speciale risiede nel sottosuolo, costituita da oltre 200 cave e caverne generate da millenni di cambiamenti del livello del mare, che pazientemente goccia dopo goccia ha aperto la strada ad enormi covi profondi fino 62 metri sotto terra, regalando agli stupefatti visitatori scenari forti e sorprendenti. Stalattiti e stalagmiti prendono posto in un apparente disordine intersecati nel più profondo cuore della zona. Molte sono visitabili ed accessibili al pubblico, colorate come quadri e intense come sculture, scendendo fin dentro le viscere del suolo. Altre non accessibili in quanto troppo rischiose per noi comuni mortali o semi-sacre perché utilizzate in passato come luoghi spirituali dagli aborigeni della zona.

 

australia occidentale
Jewel Cave, la più grande dell’Australia Occidentale (62mt)

E poi, ultimo non per importanza, un mare inimitabile. Quantomeno per un tratto così lungo!
L’intera costa dell’Australia Occidentale farebbe arrossire il più accanito dei critici, e Margaret River non sfigura!

 

 

 

australia occidentale
Le spiagge del Leeuwin-Naturaliste National Park

Mare vegetazione e minerali coesistono vicini e compatti dandosi un sacco da fare per stupire anche gli scettici.

 

australia occidentale
Spiagge del Leeuwin-Naturaliste National Park

Spiagge e cale che tratteggiano la costa regalerebbero a chiunque una pittoresca escursione alternandosi a paesaggi rocciosi e spigolosi.
Non ci sarebbe la possibilità fisica di annoiarsi!
E quindi che fare se non respirarne fino all’ultima fragranza velatamente intrecciata all’aria?

 

australia occidentale
Assaporare ogni momento del viaggio, Margaret River

VIENICI A TROVARE SUI SOCIAL, TI ASPETTIAMO SU YOUTUBE E FACEBOOK!